Il Gastronomo delle Carceri

Petrini, da La Repubblica di domenica 10 luglio, racconta le avventure di Davide Dutto nelle carceri Piemontesi, tra fotografia, fornelli e tentate fughe.

“Davide Dutto di Fossano ha prima insegnato fotografia ai detenuti ora prova con la cucina. “I pasti vengono consumati in cella e oltre a quello che passa lo Stato è possibile acquistare qualche prodotto fuori. Ma ad esempio il pesce è vietato”. Agente di custodia durante il servizio di leva è rimasto legato a quel mondo e si è inventato modi per consentire ai condannati il riscatto sociale”.

Ecco il link all’articolo, buona lettura!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...