TIC E TAC

Quando si varca il cancello del carcere, sembra che tutto si fermi e che tutto ritorni ad essere nuovo, sconosciuto, come se questo tipo di mondo appartenesse a una realtà diversa, separata dalla vita di prima.
Tutto sembra essere un’altra cosa, perfino le piccole certezze che fino a ieri scandivano una normale consuetudine, mettono radici tra le fessure di un regolamento che sembra forte, ma anche difettoso, vuoto.
Tutto vive in funzione di una scadenza temporale. Dopo quanti anni, quanti mesi potrai uscire di qui, essere fuori, tornare alla vita.
Il tuo tempo viene gestito dall’istituto, tutto ha i suoi orari da cui il detenuto non può uscire. Un tempo scandito da rumori, da parole e da gesti.
Essere detenuti significa fare un salto indietro perché non hai più la possibilità di utilizzare il cellulare, internet, la lavatrice, il forno e così ti trovi a fare il bucato a mano, a scrivere le lettere con la penna, a cucinare sul fornellino da campeggio. Un tempo che non si spezza ma si piega su se stesso senza che nulla possa far sentire il suo dolore se non attraverso le lettere che ognuno di noi riceve. Quelli si che ti fanno vivere un momento indimenticabile e ogni volta che hai finito di leggere, le ripieghi, le rileggi, cerchi di trovare qualche senso nascosto in ognuno perché non vuoi tornare subito alla realtà, ma vuoi rimanere appeso a un filo sottile che ti convince che quel tempo fuori non è tuo, ma ti appartiene ugualmente, perché la vita dei tuoi familiari è anche tua e non può essere cambiata. Ma anche questo si può spezzare. Il tempo trascorso in carcere può mandare in pezzi la vita che ci lega alla famiglia, può distruggere un matrimonio che magari non era consolidato e che ora più che mai il carcere ha reso sicuramente più fragile. C’è poi la preziosa mamma, l’unica che, se anche questo tempo fosse lunghissimo, infinito, non ti abbandonerebbe mai, perché si batterebbe in nome del figlio e con il figlio.
La mattina in carcere inizia con l’apertura del blindato della camera detentiva, la “cella” è una stanza normale che può custodire il tuo corpo ma non la tua anima.
No, lei è sempre rimasta libera di sognare, di pensare che sia solo un brutto sogno e che presto potrai riaprire gli occhi e guardare verso il futuro. Le ore d’aria, il passeggio, la doccia, la telefonata a casa dieci minuti una volta alla settimana, che quando succede ti senti vicino a quella vita, pensi che oggi possa essere un giorno particolare solo perché l’emozione di quella telefonata, di un colloquio ti rende felice.
Ma spunta lui “il tempo”, quando vuoi che ti chiami, si nasconde quando non vuoi sentirlo, lui è li puntuale nella voce dell’agente che scandisce la fine del tuo colloquio o dietro il click che ti avverte che la telefonata è finita. Mi sono sempre chiesto perché le cose belle sono assorbite dal tempo in modo diverso da quelle noiose. Ricordo un ragazzo che si mise a polemizzare con gli agenti sui ritardi nell’apertura dei passeggi, diceva che se ogni giorno venivano aperti con dieci minuti di ritardo, in un anno lui avrebbe perso sei ore d’aria circa. Potrà sembrare buffo, ma l’apertura della porta che delimita la zona passeggi dove ognuno può camminare per quattro ore al giorno, diventa un modo per uscire da un interno chiuso e entrare in un esterno altrettanto chiuso. Durante la carcerazione si analizza il passato, si rivivono le storie e tutto appare diverso, perché questo tempo di detenzione ti permette di riflettere sui tuoi errori. Anche in carcere con l’equipe trattamentale studia il tuo tempo trascorso in libertà e ti trovi a riviverlo con l’educatore, con lo psicologo, con l’assistente sociale. Il loro ruolo è quello di studiare la tua personalità e alla fine daranno un giudizio. Sembra che il tempo all’interno di un penitenziario sia la parte fondamentale della carcerazione; e lo è perché senza la sua presenza non potresti tornare a essere un uomo diverso da quello che eri e ora non vuoi più essere.
Il tempo è fatto anche di futuro, e qui lo passi a pensare a quante cose vorresti fare, ma che forse non farai mai. Soprattutto pensi che sarai diverso, perché se non tutti possono avere il diritto di essere diversi, almeno avere quello di provarci.

Giuseppe Gremo e Carmelo La Rosa

Annunci

2 risposte a “TIC E TAC

  1. Spesso mi capita,in virtù o in peccato del lavoro che faccio di sentire commenti sdegnosi di persone che vedono la carcerazione come una sorta di vacanza a spese dello stato. La mia esperienza di quasi 14 anni di “pre-sofferto” (vorrà forse dire soffrire prima?), mi hanno messo di fronte ad una realtà che è, allo stesso tempo, di grande sofferenza ma anche di profonda umanità.Quando penso alla privazione della libertà, anche quando giustificata da una pena commisurata ad un reatocommesso inevitabilemnete mi tornano in mente le parole di Primo Levi … SI IMMAGINI ORA UN UOMO, A CUI, INSIEME CON LE PERSONE AMATE, VENGANO TOLTI LA SUA CASA, LE SUE ABITUDINI, I SUOI ABITI, TUTTO INFINE, LETTERALMENTE TUTTO QUANTO POSSIEDE: SARA’ UN UOMO VUOTO, RIDOTTO A SOFFERENZA E BISOGNO, DIMENTICO DI DIGNITA’ E DISCERNIMENTO, POICHE’ ACCADE FACILMENTE A CHI HA PERSO TUTTO, DI PERDERE SE STESSO.
    Dott.ssa Ivana Scotti Tutela Salute in Carcere

  2. Innanzitutto un grazie da tutto l’equipaggio di saporireclusi. La sua e-mail piena di importanti parole e umanità, ci ha riempito il cuore di sincera emozione . Affermare che tutti gli uomini hanno pari dignità, nonostante le singole differenza a prima vista sembra ovvietà, ma chi vive una condizione di minoranza come noi detenuti è costretto a sperimentare sulla propria pelle quanto questo principio sacrosanto non sempre venga rispettato nella realtà. Tuttavia osservare le leggi di uno Stato è una condizione necessaria ma non sufficiente per rispettare fino in fondo la dignità di tutti gli uomini al di la delle differenze. Infatti per giungere a ciò ci vuole una particolare disposizione d’animo: bisogna imparare a fare in modo che la paura del diverso non si traduca in un atteggiamento di chiusura e ostilità nei confronti degli altri, ma che venga riconosciuta come un limite che si deve cercare di superare attraverso il dialogo e la conoscenza Si tratta di un’esperienza che tutti dovremmo fare nella vita quotidiana, perché titti siamo potenzialmente colpevoli e vittime di intolleranza. Grazie a persone come Lei, ricche di professionalità e umanità che questo mondo potrà essere migliore per chi vive il dramma del carcere e non solo…..

    G.Gremo C. La Rosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...